EDOS INFORMA

Tutti gli approfondimenti e le informazioni sulla gestione dell’emergenza Covid-19 in Rsa

1.7
DPI Utilizzati
1500
Personale Impegnato
50.000
Contatti con i familiari
98
Vaccinati

La campagna di vaccinazione contro il Covid-19: modalità e somministrazione in Rsa

Il nostro Gruppo si è prontamente attivato per avviare le campagne di vaccinazione contro il Covid-19 all’interno delle Strutture in stretta collaborazione con gli enti locali e in conformità con le direttive regionali vigenti. In alcune aree stiamo ultimando la seconda somministrazione a tutto il personale interno ed agli Ospiti che non sono affetti da particolari patologie o allergie, sentito il parere del medico curante. L’impegno del Gruppo è quello di portare a termine la campagna grazie alla disponibilità degli aderenti.

In tutte le nostre Rsa è partito il progetto "Io mi sono vaccinato": il personale che si è sottoposto al vaccino indossa una spilla per dimostrare la propria adesione alla campagna di vaccinazione, a tutela di se stessi e delle categorie fragili di cui quotidianamente ci prendiamo cura

Emergenza Covid-19: uscire più forti e uniti da un’emergenza senza precedenti

Il periodo contingente di difficoltà comune a tutti nella Penisola, a causa del Covid-19, ha determinato un’emergenza senza paragoni non solo nel nostro paese, ma in tutta Europa.

Ci siamo trovati, così, nelle nostre Strutture, ad affrontare grandi criticità: abbiamo cercato di reagire con tutte le nostre risorse Aziendali, la nostra professionalità e la nostra dedizione ma, soprattutto, abbiamo affrontato la situazione Covid-19 insieme. Questo anno ci ha resi più forti, ci ha preparati ad affrontare difficoltà non calcolate, consapevoli del nostro ruolo e ogni giorno più determinati in quella che è la nostra missione, da sempre: garantire un ambiente sicuro e sereno a tutti i nostri Ospiti e Dipendenti.

Sicurezza e organizzazione: come abbiamo protetto Ospiti e Dipendenti dall’emergenza Covid-19?

Il nostro Gruppo ha agito fin da subito e con tempestività su due fronti in particolare: da un lato ha aderito immediatamente alle indicazioni promulgate dal Consiglio dei Ministri e dalle Regioni contro il Covid-19, attivando protocolli precauzionali interni rigorosi e rivolti alla tutela di tutti i nostri Ospiti, adottando misure protettive verso tutte le persone che quotidianamente vivono in Rsa come Ospiti, Dipendenti, Visitatori, fino ai Fornitori; dall’altro canto, il Gruppo ha attivato soluzioni innovative e immediate per far sì che fosse mantenuto il rapporto tra Ospiti e famiglie, grazie al digitale, ai social network e tante iniziative in Rsa di “socialità a distanza”.

Solo così Edos ha potuto tutelare, contro l’emergenza Covid-19, la salute non solo fisica, ma anche psicologica delle categorie più a rischio di questa emergenza, ovvero i nostri senior, garantendo al tempo stesso la sicurezza dei nostri Dipendenti, impegnati giorno e notte per uscire, mano nella mano, da questa tempesta.

Possiamo dire che non eravamo preparati a questi accadimenti, ma l’agire nell’immediato attraverso best practices e un pronto intervento, avvenuto spesso anche in maniera preventiva rispetto a quanto disposto dai Decreti, ci ha permesso di proteggere e tutelare Ospiti e Dipendenti fin da subito, nel miglior modo possibile.

La nuova dimensione in Rsa: com’è oggi, come sarà domani

Siamo stati premiati dalla nostra linea stringente e protettiva, ma non è stato semplice: oggi, però, possiamo affermare con orgoglio che la situazione, in tutte le nostre Strutture, è stabile. Perché la quasi totalità delle Rsa del Gruppo Edos è riuscita a isolare il Covid-19, tenendolo, come ci piace dire, “fuori dalla porta” proprio durante la prima ondata, la più critica: lo dimostrano i tamponi risultati negativi di Ospiti e Dipendenti.

Laddove, invece, sono state riscontrate positività, nonostante le stringenti misure cautelative, abbiamo agito con celerità attraverso un sistema di pronto intervento, che parte dall’isolamento di tutti i casi positivi, per raggiungere l’obiettivo della totale negativizzazione attraverso cure mirate e vaccini, che oggi stanno procedendo serenamente.

Ripartire, insieme: il progetto

Questo nemico invisibile ha cambiato la vita di tutti nel Gruppo, personale e professionale: i sentimenti che hanno prevalso, inizialmente, sono stati quelli della paura e del disorientamento. Ma il Covid-19 ha fatto emergere anche la parte migliore di noi: abbiamo avuto dimostrazione di una forza che non credevamo di possedere. Oggi agiamo con una nuova consapevolezza, nata dagli insegnamenti ricevuti e che ci ha fornito le basi per lavorare verso la costruzione di una nuova dimensione di vita nelle nostre Rsa.

Una regola su tutte: la ripartenza sarà cauta, graduale, nelle nostre Rsa. Abbiamo definito percorsi e flussi interni alle Strutture, regolamentando anche le attività nelle Strutture, che non si sono mai fermate del tutto, ma hanno potuto continuare in modalità sicura, prestando la massima attenzione all’uso dei DPI, al distanziamento obbligatorio e a nuove regole di tutela. Per quanto riguarda i nuovi ingressi, questi stanno riprendendo oggi con gradualità, nel rispetto delle Direttive Regionali che verranno emesse e solo previo accertamento diagnostico e isolamento dei casi sospetti. Infine, a proposito delle visite dei familiari, le porte delle Rsa sono finalmente riaperte, sempre in ottemperanza alle disposizioni territoriali degli organi competenti, con modi e tempi controllati, in maniera graduale verso il ripristino dei rapporti interpersonali come li conoscevamo prima del Covid-19.

Sebbene l’emergenza sembri essersi momentaneamente placata, il Covid-19 ci impone, ancora oggi, e nel futuro, il rispetto di regole e dettami: solo così potremo abbracciarci, domani, nella piena osservanza di alcune regole basilari di tutela e nel rispetto degli altri.

Hai domande specifiche sulla gestione dell’emergenza?

Consulta la sezione FAQ Covid-19Contattaci