Novità Coronavirus: tra fake news pericolose e truffe

Come non cadere nei tranelli del web

Da 30 Aprile 2020 Giugno 30th, 2020 Blog, Consigli Senior, Covid-19
novita coronavirus

Novità Coronavirus: cosa è fake news, e cosa no? Cadere nei tranelli del web è molto facile per chi si trova in una condizione di fragilità: perché Internet è sì una risorsa piena di spunti e consigli, davvero utili in questi giorni ma, a volte può nascondere insidiose trappole, tra cui truffe molto spiacevoliCome difendersi? Attraverso i consigli di tante associazioni, delle forze dell’Ordine, parlando con i propri familiari e con il medico di famiglia. Ma, soprattutto, informandosi: ecco perché vi proponiamo qui una piccola summa delle fake news  sul Coronavirus tra le più diffuse, e le truffe più pericolose.

Reali Novità sul Coronavirus, fake news o… vere e proprie truffe?

Si sa, in questo è un periodo di isolamenteo forzato è facile essere bersaglio di alcune truffe: nel web, infatti, durante la ricerca di novità sul Coronavirus, non si trovano solo fake news sul Covid-19, ma anche veri e propri imbrogli, come ossigenatori venduti a quasi 1000 euro sul web – segnalata dal Codacons, Associazione dei Consumatori – o veri e propri tentativi di furto, perpetrati con la scusa di effettuare tamponi a domicilio agli anziani e sanificazioni degli ambienti.

Novità Coronavirus: tra Fake News e bufale

Non solo informazioni e novità sul Coronavirus. Il Ministero della Salute ha di recente aggiornato, in data 5 aprile, la raccolta di fake news sul Coronavirus che circolano nel web: una serie di bufale relative alla prevenzione e al contagio da Covid-19. Alcuni esempi? Dall’uso dell’aglio – conosciuto per le sue proprietà antisettiche – nel combattere il Coronavirus, alla barba come veicolo di contagio, fino all’assenza di sintomatologie come segnale di perfetta salute, ma anche uso dell’argento colloidale o di assunzione di alcool per essere immuni al contagio.

Potete leggere qui l’intera lista, per restare sempre informati e… sempre sicuri, come con le smentite delle nuove fake news da parte del Ministero della Salute!