Novità Coronavirus: i consigli e lo studio over 65

Un'indagine di Osservatorio Senior per conoscere le sensazioni legate al tema del momento

Da 20 Maggio 2020 Giugno 30th, 2020 Blog, Covid-19, Curiosità Senior
novita coronavirus

Quello che sta accadendo ha avuto e avrà un impatto sulla vita di tutti i giorni. Ma la “fase 2” come sta agendo nella vita degli over 65? Vediamo insieme le principali novità apportate dal Coronavirus attraverso uno studio condotto da Osservatorio Senior che abbiamo trovato molto interessante e che parla proprio di questo, con dati raccolti su un campione di persone over 65 e tanti spaccati di vita quotidiana.

Verso un futuro migliore: quali novità dal Coronavirus?

Le novità apportate dal Coronavirus sulla vita di tutti i giorni degli over 65 sembrano riguardare soprattutto le sensazioni: ansia, paura, angoscia. Ma molti degli intervistati sostengono che queste siano solo temporanee: perché anche gli anziani sapranno uscire vincenti da un periodo così provante, grazie non solo alla riorganizzazione della propria quotidianità, ma anche alla fiducia nelle figure sanitarie.

Ancora novità sul Coronavirus: stavolta parliamo di… sentimenti e solidarietà

Le novità sul post Coronavirus e la quotidianità non apportano solo sentimenti negativi: a questo proposito, lo studio fa trasparire che tra gli over 65 il senso di solidarietà è forte – in questo momento – così come fiducia, la complicità; allo stesso modo, il sostentamento reciproco e la condivisione in famiglia e tra coppie è ora più che mai più profondo. 

Consigli per i prossimi step e le novità post-Coronavirus

Questo studio di Osservatorio Senior dà anche consigli: come prendersi cura della salute fisica e psichica, dell’alimentazione, delle abilità cognitive degli anziani con stimoli culturali. Inoltre, punto fermo per il benessere sono le relazioni, da curare non più solo telefonicamente o via digitale. Insomma: le novità sul Coronavirus riguardano ormai l’essere capaci di  “non smettere mai di immaginare” per “aspirare al futuro”.

E noi del Gruppo Edos ne siamo più che mai convinti